Vuoi tenere la glicemia sotto controllo? Mangia i broccoli

loading...

[ad_1]

glicemia sotto controllo

La loro capacità di abbassare i livelli di glucosio nel sangue era già stata indagata, ma ora uno studio punta i riflettori sull’antiossidante di cui sono ricchi: il sulforafano

La nuova arma per tenere sotto controllo la glicemia e prevenire l’insorgenza di diabete di tipo 2 è rappresentata dai broccoli. O meglio: dal suo estratto. Questa verdura, infatti, è ricca di un antiossidante dal nome solfurafano, che sarebbe in grado di abbassare i livelli di zucchero nel sangue inibendo la produzione di glucosio. Che i broccoli aiutassero ad abbassare il livello glicemico di un pasto era già stata rivelato da uno studio condotto sul binomio patate e broccoli, ma ora, una ricerca condotta dall’Università di Guthenburg e pubblicata sulla rivista Science Translational Medicineaccende i riflettori sul sulfurafano. «Ci sono forti evidenze – sottolinea Anders Rosengren, docente di Fisiologia metabolica all’Università di Gothenburg – che questo antiossidante possa diventare un supplemento importante alle terapie attuali contro il diabete di tipo 2».

Lo studio

I ricercatori hanno verificato l’efficacia del sulforafano su 97 volontari diabetici con un esperimento durato dodici settimane. Ad alcuni pazienti sono state somministrate dosi elevate dell’antiossidante contenuto nei broccoli, mentre ad altri è stato consegnato un semplice placebo. I ricercatori hanno osservato che, nei pazienti con alto consumo di estratto di broccoli, si verificava una riduzione media del glucosio nel sangue (glicemia) di circa il 10 per cento. «Abbastanza – spiega Rosengren – per ridurre le complicazioni riguardanti gli occhi, i reni e il sangue».

Le quantità

Tuttavia, le dosi di sulforafano somministrate ai pazienti per ottenere questi risultati sono in una concentrazione cento volte superiore rispetto a quella che si trova in natura nei broccoli. Questo significa che, per ottenere la stessa quantità e gli stessi benefici, sarebbe necessario mangiare circa cinque chili di broccoli al giorno. Decisamente troppi. Il consiglio, quindi, è quello di inserire questa verdura all’interno di una dieta equilibrata che, come si sa, è il primo passo per prevenire il diabete di tipo 2.

La patologia

Il diabete di tipo 2 si manifesta solitamente tra i 40 e i 50 anni, con una maggiore incidenza nelle persone sovrappeso (ma anche i bambini obesi rischiano l’insorgenza della malattia). In questi pazienti, l’organismo non risponde più in modo corretto all’insulina, l’ormone che controlla i livelli di glucosio nel sangue. Quando la concentrazione del glucosio aumenta, crescono anche i rischi per l’apparato cardiocircolatorio, per i reni e per la vista. Per tenere sotto controllo il diabete di tipo 2 il farmaco più utilizzato oggi è la metformina, ma il suo uso è sconsigliato nei pazienti che hanno già problemi renali. Per loro, nonché la maggioranza dei diabetici di tipo 2, la speranza arriva proprio dall’estratto dei broccoli.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Le strategie vincenti per ridurre la glicemia tenendo d’occhio l’indice glicemico degli alimenti

Attività fisica e dieta per controllare l’iperglicemia

Diabete: scoperto il segreto dei cani che fiutano l’ipoglicemia

Diabete: camminare dopo i pasti abbassa la glicemia come un farmaco

Chiedi un consulto di Diabetologia

[ad_2]

Fonte qui

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*