“Mio Dio, ma lo fanno proprio davanti a tutti! Uno schifo”. Rapporto choc durante il concerto di beneficenza

Guardando queste immagini rabbrividiamo (o ci eccitiamo, dipende dai gusti certo) pensando inevitabilmente a cosa avremmo fatto se ci fossimo trovati in quella situazione: guardare per la maggior parte di noi, disgustati o divertiti per tanto protagonismo. Eppure tanto strano non dovrebbe apparire, almeno secondo i nostri canoni. Ma partiamo con ordine e analizziamo in contesto e la vicenda. Tanto per cominciare è fondamentale specificare la location: migliaia di persone infatti, si sono ritrovate ad un grande festival benefico con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno della popolazione della Florida, colpita recentemente dall’uragano Irma. Tanti gli eventi a margine del festival organizzato in Ohio, ma ce n’è stato uno in particolare che ha lasciato molti spettatori increduli e scandalizzati. Nel corso delle varie giornate, infatti, sono stati organizzati diversi contest, a cui chiunque poteva partecipare pagando una piccola quota d’iscrizione. Per la maggior parte giochi divertenti, ma c’è chi è andato oltre. Diverse persone, infatti, si sono cimentati in prove di ‘ass-eating’, ovvero il se**o orale-an*le, praticato dai ragazzi per le ragazze.

Una ragazza bionda, in particolare, ha dato spettacolo davanti a tutti in compagnia di due uomini. A riportarlo è l’edizione originale di Vice (qui il video), già famoso per aver infranto diversi tabù se**uali in questi ultimi anni. Ma veniamo a noi. Anche al più liberal-democratico-anticonformista questo atteggiamento sicuramente non piacerà, o almeno, non le reputerà di certo “normale”. Una provocazione certo, niente di più, dettata probabilmente dall’assunzione di qualche sostanza psicotropa e/o litri di alcol di pessima qualità. Ma in fondo, pensiamoci bene, non è forse quello che durante il periodo hippy succedeva durante ogni manifestazione o concerto? Molti di noi ricorderanno come venivano visti di cattivo occhio i “fricchettoni” (in ogni parte del mondo) da tutta quella parte di popolazione più conservatrice e religiosa.

Or*e, se**o non protetto, bambini nati ma non si sa da chi (quantomeno il padre). Insomma più che scandalizzarci, dovrebbe farci sorridere. Per fortuna, o per disgrazia, il mondo vive sì in una della crisi culturali più nere dal dopoguerra ad oggi, ma è pur vero che episodi del genere sono considerati dai più, evidentemente folli e senza rischio di emulazione. Va bene quindi indignarsi, ci mancherebbe, ma non è che in questo frangente si risolva poi qualcosa. In fondo anche il periodo del 1960 e ’70 ha donato al mondo qualcosa di importante: una crescita evolutiva verso la più alta forma di libertà individuale. Certo, niente a che vedere con l’ass-eating, almeno apparentemente

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*